Il Kamikaze Cocktail

Kamikaze Cocktail

Il Kamikaze Cocktail è un all day drink a base di vodka, dal nome decisamente preoccupante, ma probabilmente ispirato agli episodi della Seconda Guerra Mondiale, in cui Giappone e Stati Uniti entrarono in conflitto.
Il Kamikaze Cocktail si ispira alla struttura del Margarita e White Lady, e alcuni esperti di storia del bartending, pensano sia nato come variante di questi cocktail, nel bar di una base militare americana del dopoguerra a Yokosuka, nei pressi di Tokyo.

 

Un mix equilibrato

Il Kamikaze Cocktail è simmetrico nelle sue dosi: raffinato, profumato e dagli ingredienti compatti. Questa ricetta è tutta dedicata ai sapori agrumati del lime, dolci del triple sec e vellutati tramite la vodka.

Si trattava del distillato più in voga anche negli anni Ottanta, quando Tom Cruise cita il Kamikaze nel suo film “Cocktail”.

Spesso servito anche come short drink, un classico “cicchetto”, nella sua versione migliore risulta proprio come cocktail ed è inserito nel ricettario IBA come uno dei New Era Drinks.

 

La ricetta del Kamikaze Cocktail IBA

  • 1 oz di Vodka
  • 1 oz di Triple Sec
  • 3 cl di succo di lime fresco

Metti tutti gli ingredienti nello shaker, riempilo di ghiaccio e agita per bene. Filtra in una coppa da cocktail ghiacciata (senza ghiaccio).

Il Triple Sec

Uno degli ingredienti del Kamikaze Cocktail è il liquore aromatizzato all’arancia, dotato di una gradazione alcolica sostenuta, ma non eccessiva, dai 25 ° ai 45 °C, tra cui il più celebre è il Cointreau (40°).

Il Triple Sec si presenta come un liquore trasparente, prodotto dalla metà dell’Ottocento in Francia, tramite le bucce di arance essiccate al sole e poi immerse nell’alcol per circa una giornata.

Si ottiene così un infuso che va filtrato e distillato tramite alambicchi di rame. Considerato un elemento fondamentale per molti cocktail, il triple sec varia nella dolcezza a seconda delle arance utilizzate e per il triple sec più noto si tratta di arance di Haiti.

La variante più nota è quella blu, il Blu Curaçao, dal gusto dolce ricavato dal distillato Curaçao. Esiste anche la variante Bitter Orange, di colore ambrato e dal gusto secco.

Rispondi