Horse’s Neck Cocktail

Horse's Neck Cocktail

L’ Horse’s Neck Cocktail è un Longdrink che nasce dall’evoluzione di un drink analcolico nato alla fine dell’Ottocento. Questo Cocktail veniva creato con Ginger Ale, scorza di limone e ghiaccio. Nel giro di qualche decennio l’ Horse’s Neck Cocktail si trasformò in una gustosa e alcolica variante, in cui Brandy o Bourbon whisky segnano una svolta per gli amanti dei cocktail più decisi a livello di gusto..

 

L’Horse’s neck cocktail, il gusto del twist di limone

L’ Horse’s Neck Cocktail è caratterizzato soprattutto dalla forma della guarnizione con la scorza di limone, che gli ha dato la nomea “collo di cavallo” per la sua forma a spirale. La scorza raggiunge il centro del drink facendone emergere quasi solo il collo.

Un twist di limone che gli dona un gusto particolare, grazie al fatto che in questo è contenuto l’olio essenziale di limone che mantiene l’aroma della scorza. Un liquido etereo e volatile che si usa nell’industria agroalimentare e in profumeria, soprattutto per il suo aroma unico. Nella farmacologia, invece, viene utilizzato come disinfettante o per mantenere bassa la glicemia.

Servito come analcolico fino agli anni Cinquanta, l’Horse’s Neck Cocktail si è presto diffuso anche come drink nell’ambiente delle corse di cavalli. La ricetta definitiva IBA prevede il Brandy, e non il Bourbon whisky, a volte però utilizzato come variante.

 

La ricetta delL’ Horse’s Neck COCKTAIL IBA

  • 4 cl di Brandy
  • 12 cl di Ginger Ale
  • Gocce di Angostura – optional

Versa il Brandy e il Ginger Ale direttamente nel bicchiere highball, già riempito di cubetti di ghiaccio. Mescola delicatamente.

Guarnisci con la scorza di un limone, a spirale.

Se richiesto, aggiungi le gocce di Angostura Bitter.

 

Angostura, l’ingrediente di tendenza nei cocktail

Per chi frequenta il mondo dei bar e del bartending, l’Angostura spesso ricorre nelle ricette dei cocktail, e qualcuno al bancone avrà pensato fosse un nuovo liquore… per questo è bene che il barman sia sempre pronto a spiegare che, invece, si tratta di un bitter!

L’Angostura è formato da una miscela di spezie, erbe e frutte – un bitter ovvero un estratto di radici, foglie, frutte ed erbe che vengono dissolte nell’alcol con un procedimento ben preciso.

I bitter sono molto utilizzati nella miscelazione avanzata, per aumentare e bilanciare il gusto dei cocktail, oltre che per le loro proprietà digestive.

L’Angostura è un’invenzione bitter che nasce dall’intuizione di un medico tedesco, Johann Gottlieb Benjamin Siegert, che inventò questa bevanda nel periodo di liberazione del Venezuela, ispirandosi al nome della città di Angostura, oggi chiamata Ciudad Bolìvar.

Era formata da circa 40 ingredienti, la cui base è una miscela molto amara di agrumi con estratti vegetali, genziana e cardamomo – che ne fanno un bitter a gradazione alcolica di oltre il 44%.

Lo scopo della miscelazione era inizialmente medico-sanitario, dato che molti soldati si ammalarono durante la guerra a livello gastro-intestinale.

A metà dell’Ottocento, però, questa bevanda cominciò ad essere utilizzata per la miscelazione del Gin e, da lì, l’Esposizione Universale di Londra decretò il suo successo.

Ad oggi l’Angostura viene prodotta nei Caraibi, ancora sotto una segretissima ricetta che solo poche persone conoscono.

Spesso usato per creare cocktail a base di Gin, oppure altri come l’Old Fashioned o il Manhattan, è anche un ingrediente opzionale per molti drink, tra cui l’Horse’s Neck Cocktail.

 

Se volete scoprire tutti i segreti, ricette e curiosità del mondo barman, vi consigliamo di seguire il blog ilbarman.com/

Rispondi