Il Vampiro Cocktail

Vampiro Cocktail

Nato in Messico, il Vampiro Cocktail prende ispirazione dall’inquietante personaggio del vampiro di origine transilvana. Il Vampiro, tramite la “sana bevuta” del sangue altrui, sopravvive nell’eternità e nella notte.
Un’ispirazione ben oscura che si sposa con un long drink complesso tra acidità del rosso pomodoro e intensità al palato grazie al tequila. E’ aspro per gli agrumi, dolce per il miele e ha un tocco piccante per la cipolla e il peperoncino.

Il Cocktail e la figura del vampiro

Dagli inizi dell’Ottocento si diffuse la leggenda che erano presenti dei vampiri nell’Europa dell’Est e nel territorio balcanico. Una superstizione che portò molte persone a credere all’esistenza di questi esseri, poi ben rappresentati dall’arte e dalla letteratura, come nel celebre romanzo del Conte Dracula di Bram Stocker (1897) e nei numerosi film hollywoodiani.

Il Vampiro Cocktail deve la sua miscela alle suggestioni vampiresche del succo di pomodoro rosso, alla forza del Tequila, combinati con il succo d’arancia e di lime e la salsa Worchestershire. Considerato da alcuni una variante del Bloody Mary, questo cocktail non è molto diffuso ma ben vale la pena di provarlo.

La ricetta del Vampiro Cocktail IBA

  • 5 cl di Tequila (silver)
  • 7 cl di succo di pomodoro
  • 3 cl di succo d’arancia fresco
  • 1 cl di succo di lime fresco
  • 1 cucchiaino di miele
  • mezza fetta di cipolla tritata
  • poche fette di peperoncino rosso piccante
  • qualche goccia di Salsa Worchestershire
  • Sale

Per la preparazione del Vampiro Cocktail versa tutti gli ingredienti in uno shaker con ghiaccio, agita decisamente per qualche secondo, in modo che esali l’aroma del peperoncino.

Filtra in un bicchiere highball con ghiaccio e guarnisci con una fettina di lime.

Il Tequila

Il Tequila prende il nome dalla città omonima anche se, in realtà, l’antenato del Tequila veniva prodotto dall’agave blu, pianta diffusa e lavorata già durante l’impero degli Aztechi..

Il Distillato DOC, dal 1978, prevede per legge una percentuale di agave blu di almeno il 51%, di cui nella pregiata Premium si arriva al 100%.  Deve essere prodotta solo nello stato federale del Jalisco o nelle specifiche aree confinanti. La gradazione alcolica di 40-45 gradi, deriva da una doppia distillazione in alambicco discontinuo. Un procedimento simile a quello di un’acquavite europea, che rende questo distillato speciale per cocktail e drink a base di Tequila.

Si trova in purezza presso diversi locali, hotel di alto livello e cocktail bar specializzati nella mixology, oltre che nei ristoranti messicani dove il Tequila è parte integrante del menu.

Si gusta al meglio, quando la si vuole liscia, in un bicchiere di terracotta dove sarà accompagnata da sale e succo di lime sulla mano. Già, perché questo gesto di legare la degustazione all’unione con questi ingredienti sul dorso della mano, è tipico della tradizione!

Tra i cocktail a base di Tequila più noti, invece per chi ama mixarla, oltre al Vampiro Cocktail ci sono il Margarita, dove il sale si trova sul bordo del bicchiere e il Tequila Sunrise.

Rispondi