Mint Julep Cocktail: conosci la sua storia?

Mint Julep

Mint Julep: storia, curiosita’ e ricetta

Avete mai sentito parlare di un Cocktail chiamato “Mint Julep? Sebbene la sua ricetta risalga al 1700, tutt’oggi tanti locali non lo servono. E’ originario del Sud degli Stati uniti ed è a base di menta e Bourbon. Il suo nome deriva dal persiano, gulab, e stava a rappresentare un’acqua di rose che prima veniva prescritta come medicinale per problematiche relative allo stomaco.

Mint Julep

Venne ideato in onore del Derby che viene tenuto ogni anno in Kentucky, ovvero una competizione ippica. E’ proprio per questo che viene servito all’interno di particolari tazze, dette julep cup: ricordano molto la coppa che viene consegnata al vincitore.

Tra il Settecento e l’Ottocento, periodo in cui il Bourbon ancora non esisteva, veniva preparato o con il Rum o con il Brandy. Il Bourbon, componente fondamentale. venne nominato per la prima volta attorno al 1835 e, di lì a poco, divenne subito ingrediente principale della ricetta.

Mint Julep, ricetta IBA

  • 6 cl di Bourbon whiskey
  • 4  rametti di menta fresca
  • 1 cucchiaio di zucchero a velo
  • 2 cucchiai di acqua

Realizzazione del Mint Julep

Mint JulepRealizzarlo è più facile di quanto sembri! Prendiamo una julep cup ed inseriamo al suo interno la menta, pressata gentilmente con l’aiuto di un muddler, il cucchiaio di zucchero ed i due cucchiai d’acqua. Mescoliamo leggermente ed andiamo ad aggiungere il ghiaccio tritato ed il Bourbon. Mescoliamo nuovamente, con l’aiuto di un Bar Spoon, aggiungiamo dell’altro ghiaccio tritato fino a riempire completamente il bicchiere e guarniamo il tutto con un ramoscello di menta. La ricetta originale, al posto della cannuccia, prevede che il cocktail venga servito con sopra uno Strainer, come nella foto, e che venga bevuto direttamente dalla Julep cup.. a voi la scelta!

Se apprendete meglio seguendo un tutorial che leggendo, invece, vi consigliamo di prendere spunto da qui:

Il Bourbon

Il Bourbon è un Whiskey che prende nome proprio dallo stato del Kentucky, Le leggi che lo riguardano sono più che rigide, poichè:

  • deve essere prodotto con almeno il 51% di mais;
  • deve essere messo in botte con non più del 62,5% di alcol in volume;
  • deve essere distillato non oltre l’80% di alcol in volume;
  • alla miscela è possibile aggiungere solamente acqua;
  • deve essere invecchiato in botti di quercia, nuove e tostate internamente;
  • può essere definito Kentucky bourbon solo un whiskey distillato ed invecchiato per almeno un anno nel Kentucky.

Alla prossima ricetta!

Rispondi